caro diario

A volte ritornano

Mi sono detta, rimetti mano al blog, ma mica lo so da dove partire, perché ricominciare da dove ci eravamo lasciati più o meno un anno fa, é complicato.

Perché complicato? Perché questo sarebbe dovuto essere l’anno della svolta, l’anno in cui il blog avrebbe avuto senso, perché vi avrei raccontato le vicissitudini di quella ragazza che sognava di vivere al mare e finalmente realizzava il suo sogno.

Purtroppo però le cose sono andate diversamente, mi sono trasferita certo, ma nel bel mezzo di una pandemia, il che ha complicato enormemente le cose, sia per quanto riguarda le varie prassi dei documenti da ottenere, cosa di cui senz’altro avrei voluto parlarvi, sia per quanto concerne la libertà di muoversi senza paura e conoscere davvero la mia nuova casa.

In questi mesi, così come voi, mi sono sparata quarantene, coprifuoco di dubbia utilità e per non farmi mancare nulla, pure un tampone per il compleanno con tanto di isolamento fiduciario fino all’esito, per fortuna negativo.

Insomma non avevo nulla di particolare da raccontare perché in questo 2020 non ha avuto molta importanza il luogo in cui ci si trovava, ci siamo trovati tutti sulla stessa barca che sembra fare acqua da tutte le parti.

Mi sono sentita senza ispirazione per mesi, perché gli stimoli da smartphone non mi bastavano, al tempo stesso volevo andare avanti almeno con il pensiero, così mi sono iscritta ad innumerevoli corsi per migliorare la mia preparazione, senza prendere parte alla famosissima saga delle dirette di Instagram dove spesso ci si riempiva la bocca del niente più totale.

Sentivo di dover rimanere concentrata e mi sentivo in obbligo di rimanere quella persona, che pur stando sui social, non doveva intasarli con la sua presenza se non aveva nulla da dire, senza contare che in determinati momenti è davvero meglio tacere.

Sono stata triste, arrabbiata, speranzosa, nostalgica, a tratti felice, poi ancora annoiata e al tempo stesso stremata dalla mia testa che di fermarsi non ne voleva sapere.

Nella mia testa ho viaggiato tante di quelle volte da ritenermi fortunata di non dover pagare il biglietto.

La verità è che quando cambi vita all’inizio tutto ciò che vuoi sapere è che in qualsiasi momento tu ne senta il bisogno puoi tornare, era questo che mi ripetevo il 16 febbraio quando ho comprato quel biglietto di sola andata per me e Luna.

Poi la pandemia e la malattia di Luna hanno infranto le nostre speranze, ma oggi non voglio essere triste, oggi realizzo il buon proposito di tornare su queste pagine per dare un senso a questo spazio per cui in questi anni ho lottato così tanto.

Voglio darmi di nuovo la possibilità di raccontarmi perché ne ho scoperto l’urgenza.

Stavolta torno presto, lo prometto!

caro diario

Quando l’articolo che devi scrivere è un altro.

È tutto il giorno che temporeggio, ho due/tre articoli scritti su carta straccia con una pessima calligrafia da pubblicare, ma non ero e non sono in vena per nessuno di loro.

Questo periodo è molto strano per me, alterno momenti di massima euforia ed emozione a momenti di stanchezza e massimo sconforto. Sento che dovrebbe essere tutto facile, ma sembra sempre più difficile, come se mi imbattessi continuamente in ostacoli, sbattimenti e delusioni.

Mi sono convinta che deve essere così, che il mio ultimo anno in Italia debba fare in modo che io non ne senta affatto la mancanza, che poi non sarà mai così.

Si, mi piace lanciare delle bombe con noncuranza e proseguire il discorso, ma credo sia doveroso spiegare a voi che leggete queste righe questo progetto di vita, perché questo blog è nato principalmente per questo, per accompagnare il viaggio, per documentare la strada e non perdere il segno.

Qualche mese fa, non senza preoccupazioni e molti dubbi, io e il mio compagno abbiamo deciso di provare a costruirci una nuova vita in un’ isola a 4000 km dove è primavera (quella calda) tutto l’anno, dove c’è pure l’oceano e un vulcano.

A gennaio 2020 ci trasferiremo a Tenerife, probabilmente a Santa Cruz, ma per i dettagli abbiamo tempo, anche se organizzare un matrimonio, un trasferimento, avviare un’ idea di business, imparare una nuova lingua e lavorare è molto impegnativo, ecco perché ogni tanto sono latitante.

La nuova direzione per questo blog è affrontare questo cammino con me, oltre a parlare delle solite cose, vorrei portarvi con me e condividere questo viaggio, anche per vivermelo più a fondo, con più consapevolezza. Nulla è facile da affrontare, i cambiamenti spaventano, ma mettere tutto nero su bianco aiuta anche a focalizzare.

Il motivo? I motivi? Sono svariati partendo da quello più scontato e più ovvio ovvero che ho sempre sognato di vivere al mare, ma so che detta così sembra banale, in realtà abbiamo voglia di provare a vivere una vita diversa, lontana da questi ritmi, lontana da curriculum vincolanti, lontana dal portarsi il lavoro a casa, ma lavorando da casa, lavorando per noi stessi e per il nostro futuro, prendendoci il nostro tempo, godendo del nostro tempo.

Anche questo sembra forse un po’ riduttivo, cosa ci può essere di riduttivo nell’ ammettere che siamo molto felici, ma forse saremmo molto più felici a provare a realizzare dei sogni, pur avendo sempre i piedi per terra?

Diariodiunascappatadicasa è molto più che un blog per me, è una scommessa su me stessa, è la mia idea di futuro e il futuro al tempo stesso, è nata per accompagnare ed essere questo viaggio, per conoscermi e per creare un mondo tutto mio e invitarci delle persone.

Ci sono moltissime idee, tantissimi progetti, che da domani voglio iniziare a raccontare, stasera è tardi e ho sganciato la bomba più grossa, una delle più grosse.

Ora che ho svelato questo segreto, sarà tutto più semplice, perché parlarne lo fa sentire più vero e più vicino ma anche più doloroso da un certo punto di vista, non è facile lasciare la propria famiglia, la proprie amicizie e la propria città, perché non smetteranno mai di mancarci, ma so che forse certi legami si rafforzeranno e capiremo cosa è davvero importante e chi.

Tutto questo è una sfida e io voglio giocare a credere in me stessa, perché si inizia giocando e poi forse ci si crede davvero.

Ho altri articoli da pubblicare, ma quello che davvero volevo dire era questo, in tutta la sua semplicità, senza pensare troppo e alla rinfusa, spero non siate delusi, ho pensato molto a come dare la notizia, ci ho pensato talmente tanto che alla fine ho pensato di farlo così come veniva. E sono già un po’ più felice.

Buonanotte