musica

Recensione Musicale – Christina Aguilera – Liberation

Christina Aguilera è uno dei miei idoli musicali indiscussi da sempre, a partire dai suoi esordi con “genie in a Bottle” nel 1999, quindi questo album l’ho bramato, ma ho preferito comunque prendermi del tempo per dedicare più ascolti e individuare una linea, i brani top e i generi musicali coinvolti.

Definirla come una pop star, mi risulta riduttivo perché la Aguilera ha inventato un genere, un genere tutto suo, si è reinventata per anni, album dopo album, sperimentando anche l’esperienza del flop con Lotus e Bionic.

Sono passati sei anni dall’esperienza fallimentare di Lotus, disco poco convincente nato più per esigenza discografica (cercare di rimediare a Bionic) che per affermare la sua supremazia tra le Queen della musica.

Ma i progressi si vedono, eccome, Liberation è il disco che qualunque fan vorrebbe sentire, forse non ci sono delle super hit come “Beautiful” o “Fighter”, ma è sicuramente un album vero, sentito e senza la pretesa di voler piacere a tutti, Liberation piace a Christina e si percepisce sin dalle prime note dell’intro, è un album che censisce la libertà  artistica e il ritrovato amore per la sua professione, è quello che volevo sentire, finalmente dopo anni.

La produzione è molto curata, nulla è lasciato al caso, sembra raccontare una storia, che parte con l’intro “Liberation” che ricorda la solennità di una colonna sonora, unita a poche parole pronunciate da Christina alla ricerca di se stessa, della bambina nascosta dentro di lei, il tutto suscita, per lo meno in me, un’ emozione forte e improvvisa.

Abbiamo poi una seconda intro “Searching for Maria” che introduce proprio il primo vero brano dell’album “Maria” dove Christina sceglie proprio il suo secondo nome per introdurre il proprio lato personale e introspettivo, Maria è una canzone R&B in perfetto stile Aguilera, rappresenta un’ invocazione, una sorta di redenzione, nel testo troviamo una serie di domande senza risposta, ma il senso generale è proprio quello, forse l’importante non è avere delle risposte, ma porsi le giuste domande.

Un brano trascinante sicuramente è rappresentato da “Sick of Sittin'” che evidenzia un lato rock ribelle della cantante e la sua grande musicalità nel giocare sulla musica, un inno al ritorno:

“I’m sick of sittin’, I’m sick of sittin’
I’m sick of sittin’, I been workin’ too hard to not be livin’
I’m sick of sittin’, I don’t need it no more
I’m sick of sittin’, I’m sick of sittin’
I’m sick of sittin’, I been workin’ too hard to not be livin’
I’m sick of sittin’, I don’t need you no more”

L’interlude “Dreamers” raccoglie desideri e speranze per un mondo migliore.

“Fall in line” in duetto con Demi Lovato è una sorta di inno femminista alla libertà a non essere schiava di nessuna, sicuramente una delle song più riuscite di questo album, che meriterebbe certamente più riscontro a livello discografico.

Abbiamo poi in successione “Right Moves” feat. Shenseea e Keida, song sexy e ammiccante in stile reggae, equiparabile per genere “Pipe” feat. Xnda che per i più pettegoli del web potrebbe essere il nome d’arte di Lewis Hamilton.

IMG_4479

Tra le varie collaborazioni spiccano quella con GoldLink per “Like I do” e “Accelerate” con Ty Della Sign e 2 Chainz, song con ritmi da club e carica da vendere.

“Deserve” è per me una delle più belle ballad dell’album insieme a “Twice”, canzoni molto intimiste dedicate all’amore che fa perdere la testa e al perdono, in twice addirittura c’è un tributo alla musica Gospel nell’apertura, proprio a sottolineare il mix di generi che caratterizza Christina.

“I don’t need it Anymore” è l’ennesimo interlude che ricorda Christina ai tempi del film “Burlesque”, se non l’avete visto guardatelo, merita, nello stesso film Christina e Cher sono una prelibatezza 😉

“Masochist” parla di un amore sbagliato che ti distrugge, con un sound un pò anni 80, che però si sposa bene con l’intento del brano.

E in ultimo forse il mio brano preferito “Unless it’s with you” una meravigliosa ballad che rende bene il mio mood di questi giorni, visto che ho ricevuto dalla mia dolce metà “la proposta”:

“Yeah, I’m in over my head feeling confused
I’m losing my mind, don’t know what to do
‘Cause I don’t want to get married
Unless it’s with you, unless it’s with you”

Riassumendo i brani migliori : “Fall in Line”, “Deserve”, “Twice”, “Accelerate” e “Unless it’s with you”.

Voto generale un bel 7, grazie Christina, avevo paura, ma non mi hai delusa.

 

social

Coalizziamoci #nofollowersfake

Prima di scrivere questo articolo, ho aspettato qualche mese dalla nascita del mio progetto, perché come tutte le cose specialmente all’inizio, vuoi non dare il beneficio del dubbio?

Sappiamo benissimo che per un nuovo brand che nasce è importantissimo sapersi vendere nella maniera corretta sui social, e non fidatevi di chi vi dice che è diventato famoso per caso o non ha usato alcun accorgimento per fare crescere il numero dei suoi followers sui propri social, sono baggianate, grandi e grosse.

Nel mondo dei social, la vetrina più importante e più gettonata è certamente Instagram, che ci permette di mostrare al mondo il nostro lavoro o hobby che sia e ci offre gli strumenti per intrattenere rapporti con le persone, per confrontarci o per acquisire nuovi clienti.

Quindi quando è nato il diariodiunascappatadicasa, ho creato un nuovo account di Instagram, Facebook e Twitter.

Oggi mi soffermerò a parlare proprio di Instagram, delle dinamiche che lo coinvolgono, delle persone poco oneste, del famoso logaritmo e dei followers fake.

Inizio con il dire che stamattina la mia pagina Instagram contava 233 iscritti, non mi lamento perché comunque queste 233 persone seguono proprio me e non sono comunque poche se le pensiamo tutte in una stanza, ma voglio aggiungere che se il fenomeno “follow to follow” o “fake followers” non esistesse io a oggi di iscritti nei avrei ben 647 che se permettete è un po’ diverso.

Per le piccole pagine, come la mia, crescere su Instagram è diventato quasi impossibile, perché a meno di sponsorizzazioni i nostri feed sono poco visibili grazie al nuovo algoritmo che sceglie per noi cosa mostrarci e quale rilevanza dare al contenuto.

La formula tiene conto di 3 fattori principali: interesse, tempestività e relazione – ed altri tre fattori ausiliari legati all’uso più o meno regolare dell’app – frequenza, seguito e utilizzo, shakerando otteniamo la formula magica che determina ciò che vediamo nelle nostre bacheche.

Ok, che Instagram non nasconde nessun contenuto perché andando sulla singola pagina di ciascuno, tutti i post sono perfettamente visibili (ovviamente parlo di pagine pubbliche), ma se il mio contenuto non ottiene un numero abbondante di like poco dopo la pubblicazione, potrebbe passare inosservato, anche se è originale e frutto del mio lavoro di giorni o ore.

Infatti l’algoritmo privilegia i post con un alto engagement quindi tutto dipenderà da quanti follower abbiamo, da quanto siamo attivi sulla piattaforma, da quante interazioni abbiamo, gli hashtag che utilizziamo e la qualità dei contenuti.

La spina nel fianco è però rappresentata da tutte le società nate per vendere followers illegalmente, cari utenti di Instagram abbiate una morale, l’immagine del vostro brand è importante, ed è importante mantenere un’integrità, se io fossi una grande azienda non vorrei collaborare con chi ha grandi numeri, ma finti.

La pubblicità è importante se raggiunge un bacino vero di clienti, quindi grandi aziende fate attenzione all’influencer a cui scegliere di affidarvi per rappresentare i vostri prodotti e il vostro brand.

La piaga principale sono comunque i cari followers fake, o follow to follow, persone che ti seguono in media per 4 giorni e poi ciaone, queste persone insultano i nostri contenuti e la nostra intelligenza, perché se un contenuto ti piaceva 4 giorni fa, ora perché ti cancelli?

Instagram è certamente a conoscenza di queste problematiche, ma non ha nessuna convenienza nel cercare di combatterle, in vista anche del nuovo programma di monetizzazione e dell’introduzione dei video fino a 1 ora, l’intento è soppiantare YouTube (che è uno schifo già da anni) non di certo permettere ai piccoli di diventare “bocche da sfamare”.

Forse per l’algoritmo non possiamo fare nulla, ma possiamo combattere le ingiustizie, anzi dobbiamo, siamo piccoli, ma siamo tanti, so che ormai le persone hanno perso la buona abitudine di far valere idee e diritti e che nessuno manifesta più nemmeno se il paese va a rotoli (e va a rotoli), non vi chiedo di scendere in piazza, vi chiedo di unirci e cercare di fare squadra sovvertiamo il sistema, rompiamo le palle, diamoci da soli la visibilità che meritiamo.

Compatti, dritti alla metà!

caro diario, motivazionale

Non mi sento e non sono una “cantante fallita”

Ci sono momenti della vita in cui, nonostante non sarebbe opportuno, sentiamo il bisogno di esporci, nel mio caso di togliere quel velo di mistero attorno ad un nickname.

Qualcosa tra un post e l’altro è emerso, è vero, ma nelle mie massime del giorno esorto le persone (e me stessa in primis) a reagire, combattere ma soprattutto a essere se stessi sempre, e che me stessa sono se non parlo un pò di me, tanto più che ne sento il bisogno?

Giorni fa una conoscente ha criticato, in modo gratuito e non richiesto, il fatto che io abbia abbandonato la mia “carriera di cantante”, lo metto tra virgolette perché non credo di aver mai avuto una carriera da cantante e perché cito le testuali parole di questa persona, ora non starò a dilungarmi sul fatto che le persone devono imparare a farsi gli affari propri e non elargire pareri da buoni samaritani, se non richiesti, ma voglio assolutamente spiegare perché non mi sento affatto una cantante fallita o una persona fallita.

Che per altro, quanto meno una persona che ha fallito in qualcosa evidentemente ci ha provato ed è già due spanne avanti a chi invece di prendere in mano la propria vita spara sentenze sulle vite altrui.

Questa persona comunque mi ha fornito degli spunti per una serie di riflessioni a riguardo, che voglio condividere, perché sono pronta a farlo.

Ho sempre amato la musica, canto dall’età di 5/6 anni, a quell’età addirittura mi dilettavo a inventare canzoni in una lingua che io chiamavo inglese (ma inglese non era), mi divertivo da matti, lo ricordo come fosse ieri, ricordo la sensazione di benessere che provavo nelle mie piccole esibizioni in giardino senza condizionamenti.

Nonostante la timidezza quel modo di comunicare mi è sempre piaciuto, perché per me la musica rappresenta un mezzo di comunicazione e lo è anche se uno è stonato, magari non sempre è arte, ma c’è sempre un messaggio dietro.

Nell’età adolescenziale, quando tutti cercano il loro tratto distintivo, quello che ti caratterizza, io avevo trovato il canto, che c’era sempre stato, ma avevo capito di essere brava, di avere delle doti, perché quando sei bambino non ha importanza se sei bravo o meno, lo fai perché ti piace, ma quando cresci è tutto diverso.

Cosi è iniziato quello che oggi definisco un incubo e quello che quella persona definisce “carriera di cantante”, quando tu stai cercando la tua strada e ti dicono che sei bravo in qualcosa, il rischio è quello di credere che quella determinata cosa sia la tua strada, questo è quello che mi è successo, quello che ho voluto io per dieci anni, quello che ho creduto di volere.

Voglio essere chiara e precisare che nessuno mi ha costretta con la forza a fare decine di centinaia di concorsi musicali, a esibirmi in locali beceri o eventi musicali discutibili per anni, e voglio essere altrettanto chiara dicendo che nel mentre pensavo di essere sempre quella bambina, anche se era un’ illusione.

Cosi ho smesso di esibirmi per me stessa e per la sensazione di pace e totalità che sentivo da bambina, a volte avevo anche 3 o 4 serate a settimana, correvo freneticamente dietro a iscrizioni, scelta dei brani più difficili per fare breccia nelle giurie e degli outfit giusti per la canzone e per l’occasione.Ho un intero armadio da 2 ante pieno di quelli che chiamo “abiti da esibizione” e che oggi sono diventati abiti da week end (perché comunque non si butta via nulla) per non parlare degli accessori e delle scarpe, da farci un mercatino in piena regola.

Parentesi a parte, in questa frenesia io cercavo me stessa, ma con il passare del tempo mi perdevo sempre di più, dietro a qualcosa che con la mia passione non centrava proprio nulla, oltretutto facendo lo sforzo sovrumano di vincere la mia ansia da palcoscenico, perché sono una persona tutt’altro che esibizionista a cui tremano le mani anche a cantare in un karaoke tra amici, perché le emozioni quelle vere ti fanno tremare anche le viscere.

In quel mondo a cui sentivo di dover appartenere a tutti i costi, ho incontrato persone come me, persone a cui sono tutt’ora legata e grata perché per anni sono stati una seconda famiglia, ma ho incontrato anche moltissime persone senza scrupoli ne cervello,    nelle giurie dei concorsi specialmente, uomini viscidi non degni di essere chiamati uomini che giudicavano le tue gambe o la tua scollatura altro che doti canore. Il fatto che il mondo della musica o dello spettacolo in generale sia pieno di questi personaggi è risaputo ora, perché finalmente qualcuno ha avuto il coraggio di denunciare questi abusi.

Abuso è anche farla pagare a qualcuno che non ci è stato, eh.

Ma non è nemmeno questo il motivo per cui la mia carriera è stata interrotta, perché mi sono accanita per dimostrare che avrei potuto farcela anche senza le raccomandazioni di questi bavosi e cosi sono passati gli anni, fino a quando, dopo una brutta delusione d’amore e una serie di problemi alla gola che mi hanno tenuta ferma per un pò, ho scoperto il piacere del silenzio.

La mia pausa con la musica è durata un anno (la prima) e non è stata forzata se non all’inizio, è stato semplicemente ammettere che forse non ero pronta, ma pronta per cosa? mi ero presa una pausa dalla smania di diventare qualcuno, ma la musica non l’ho mai abbandonata, nemmeno un singolo giorno proprio come da bambina.

Il mio sogno non è svanito perché non ce l’ho fatta a diventare qualcuno, io amerò sempre cantare, ma per esprimere me stessa non per compiacere qualcun altro o diventare famosa, semplicemente il mio sogno si è trasformato per fare spazio a me, a quella che sono oggi, una persona piena di interessi e passioni di cui nessuna esclude l’altra.

Io sono fiera di chi sono oggi, la mia “bella voce” è sprecata?  ma sprecata per cosa? Ho intrapreso una strada che non era per me, me ne sono accorta e ho aggiustato il tiro, tutto qui. Ho comunque una voce, questo blog è la mia voce, il mio progetto è la mia voce.

Le passioni si evolvono, proprio come dovrebbero fare le persone. Cambiare strada o percorso non significa aver fallito, significa prendere atto dei cambiamenti e non fossilizzarsi, ma cercare di migliorarsi.

2018-06-14 13.55.06

Serie Tv del momento Rubrica

– Serie Tv del momento – capitolo 5 – Il miracolo

E come tutte le settimane, eccoci al Lunedì della rubrica “serie Tv”, oggi come già accennato a chi mi segue su Instagram e Facebook, parliamo della serie drammatica italiana ” Il miracolo”, ideata e diretta dallo scrittore italiano Niccolò Ammaniti. La serie è stata trasmessa per la prima volta l’8 maggio 2018 sul canale satellitare Sky Atlantic, ed è composta di 8 episodi della durata media di 50 minuti.

Io lo definirei drammatico spirituale, lo scrittore infatti, al suo debutto come regista, incentra la serie sulla fede, sul potere,su i dilemmi della scelta e le speranze a cui le persone si aggrappano per restare a galla.

Nell’irruzione nel covo di un boss della ‘Ndrangheta, viene ritrovata una statua in plastica raffigurante la Madonna che piange sangue (litri e litri) questo evento, che nel corso della serie rimarrà inspiegabile (ovviamente), avrà delle ripercussioni sulle vite di chi entrerà a contatto con questa statua.

Le vicende si susseguono in uno scontro ideologico sacro e profano, tra fede e scienza, tra reale e irreale.

I personaggi, dal primo ministro Pietromarchi a Padre Marcello, risultano tormentati da forze opposte, la Madonna cambierà le loro vite per sempre in modo irreversibile.

Anche le donne di questa serie non sono da meno (tormentate), la first lady è una donna irrequieta (infelice) che cerca la sua valvola di sfogo rifugiandosi in comportanti sconsiderati, una madre che ha problemi a comunicare con i suoi figli, anch’essi tormentati, con comportamenti a dir poco inquietanti.

Ci sono poi Sandra la biologa, che rappresenta la “fazione” della scienza, che si ritrova ad affrontare il dubbio causato dall’inspiegabile, e Clelia, innamorata da sempre di Marcello, che lo ama incondizionatamente anche se conosce tutti i suoi eccessi e intrallazzi da truffatore.

La colonna sonora è stata curata dal compositore messicano Murcof, grande impatto ha la sigla “il mondo” cantata da Jimmy fontana, canzone cara ad Ammaniti e che era già stata scelta in fase di stesura della sceneggiatura, affiancata a immagini sacre, ovuli e spermatozoi al microscopio e il dettaglio di una bocca candida che abbozza un sorriso di una statua raffigurante la Madonna (non quella lacrimante della serie) che nello spettatore provocano uno shock, una spaccatura, uno stato di crisi che scatena la ricerca della soluzione. (Che però non c’è)

L’andamento è tipico dei suoi romanzi: un evento scatenante che ti conduce oltre e l’intera idea si avvicina a quella del romanzo; La Madonna si presenta come il miracolo, ma il suo impatto è pari a quello di qualunque cosa violi le leggi ordinarie dell’universo che conosciamo, vedremo quindi delinearsi diverse reazioni da parte dei diversi personaggi coinvolti, proprio come nei telespettatori.

Le storie dei personaggi sono indipendenti e hanno senso compiuto di per se, anche se a volte le vicende si intrecciano intorno al miracolo.

Sicuramente va riconosciuta a Ammaniti la forte caratterizzazione dei personaggi, nelle mille sfaccettature che li delineano come unici, senza tralasciare gli aspetti meno positivi, mettendo a fuoco forza e debolezza, sempre a sottolineare lo scontro ideologico alla base della serie.

Ho trovato però una certa confusione nelle vicende, che ammetto, potrebbe essere dovuto proprio all’idea dell’incomprensibile che vuole essere rappresentata, ma che per gusto personale ho trovato un pò troppo accentuata, ovviamente si tratta di gusto personale.

Ho deciso di guardare questa serie, spinta dalla forte pubblicità di Sky che la promuoveva come “serie dell’anno” e pensando alle produzioni Sky come Gomorra, ecco se la guardate con questi presupposti forse rimarrete delusi perché Gomorra è Gomorra. Ho riflettuto per giorni prima di scrivere questa recensione perché a primo impatto direi che non mi è piaciuta, ma c’è comunque un filo che mi teneva incollata allo schermo, come succede con i romanzi.

Ancora oggi resto a tratti basita, ma se dovesse esserci una seconda stagione la guarderei, quindi per ora il mio voto è “rimandato a settembre“.

Su questa serie più che mai vorrei confrontarmi con chi l’ha seguita, per capire se forse mi è sfuggito qualcosa, quindi se vi va lasciatemi un commento con la vostra opinione 🙂

Io intanto vi ringrazio e saluto! per questa settimana è tutto, a lunedì prossimo!

Buona visione!

Serie Tv del momento Rubrica

– Serie tv del momento – capitolo 4 – The originals

Buon lunedì a tutti, bentornato a chi mi legge ogni lunedì e benvenuto a chi incappa nelle mie parole per la prima volta.

Questa settimana è la volta di “The originals” la serie fantasy statunitense, nata come spin off di The Vampire diaries, che debutta ad Ottobre 2013 sull’emittente televisiva The CW.

La serie è per lo più ambientata nel quartiere Francese di New Orleans e si incentra sulle vicende di Klaus ibrido originale e della sua famiglia.

Il suo personaggio è eternamente diviso tra la malvagità e la follia, nonostante sia un assassino metodico e paziente è un grande elaboratore di piani efficaci volti a liberarsi dei suoi nemici. Trattandosi di un originale appunto, può essere ucciso solo da un paletto di legno di frassino bianco, come narra la leggenda.

Di lui si sa che ha combattuto nell’esercito di Carlo Magno e nella guerra di Troia e che dopo la caduta dell’impero romano si stabilì in Germania.

La serie si sviluppa in 5 stagioni dove Klaus e la sua famiglia affronteranno nemici sempre diversi, consanguinei compresi e solo l’amore per la figlia avuta con Hayley terrà tutti saldamente uniti per salvaguardare il bene comune: la sua felicità.

New Orleans offre una cornice perfetta al folklore che questa serie dipinge, la magia delle streghe, la musica per le strade, le parate e i riti Pagani.

Tutto ciò non toglie che la serie sia lenta a tratti noiosa, in molte puntate non succede quasi nulla e sicuramente è un cast meno “attraente” di The Vampire Diaries.

Tirando le somme, anche se nel corso delle ultime stagioni Klaus e la sua famiglia mi sono “quasi” simpatici il mio voto è 5,5, questa serie doveva finire con la morte del padre di Klaus il primo nemico.

Premetto che per questo motivo mi manca ancora qualche puntata alla fine, ma ovviamente c’erano serie tv più allettanti che avevano la precedenza.

Lo finirò, quando avrò finito il resto!

Come al solito vi chiedo di condividere la vostra opinione se vi va, buona visione e a Lunedì prossimo per la prossima serie.